istruttori militari

Krav Maga per gli istruttori militari nella Legione Straniera

Nel mese di febbraio IKMF ha organizzato e condotto un corso unico al mondo: la formazione degli istruttori militari di Krav Maga all’interno del 2° REP, il reggimento più prestigioso della Legione Straniera, a Calvi in Corsica.

 

IKMF e Legione Straniera, un legame forte e duraturo

Il rapporto con la Legione Straniera dura da 7 anni. Il mio caro amico e collega Jean-Paul Jauffret, corso e con una lunga esperienza operativa nel mondo militare e di polizia, tiene regolarmente corsi a Calvi e ha formato negli anni centinaia di legionari, guadagnandosi la fiducia e la stima dei sottufficiali e dell’alto comando della Legione Straniera. Al punto che il Colonnello ha deciso di aprire le porte di Camp Raffalli a un corso congiunto per legionari e istruttori di krav maga IKMF.

Quando lo scorso ottobre Jeanpaul mi ha telefonato per dirmi che aveva avuto la conferma dal Colonnello la cosa mi ha emozionato non poco, anche perché ho sempre avuto un “debole” personale per la Légion. Ho passato la notizia agli istruttori italiani che sono letteralmente impazziti e in otto si sono “arruolati” nelle prime 24 ore per partecipare ai 10 giorni di massacrante formazione!

 

Un team di docenti di altissimo livello

Il corso per istruttori militari è stato tenuto dal GIT Israel Cohen, Expert 3 e capo della divisione militare di IKMF, ex incursore della marina israeliana, e da Jeanpaul Jauffret, Expert 4, EIT e Istruttore Capo di Krav Maga per la Legione Straniera. È stato per me un grande onore, oltre che un importante riconoscimento professionale, essere invitato al corso e aver partecipato in supporto ai due super istruttori, formando per alcuni giorni legionari e istruttori.

Tra i docenti un altro carissimo amico, primo istruttore di krav maga in Europa e istruttore mio e di Jeanpaul, Stephane Chatton. Invalido di guerra mutilato di entrambe le gambe in un attentato in Irak nel 2006, ha tenuto un corso sull’Adaptive krav maga, il krav adattato alle persone disabili come metodo per addestrare reduci e feriti.

 

Le tecniche

Il curriculum militare è interessante perché, molto più semplice ed essenziale di quello civile, addestra i soldati a reagire in condizioni di estremo stress e sviluppa le capacità di avere sempre reazioni istintive finalizzate alla sopravvivenza ed alla neutralizzazione del pericolo.

Le tecniche sono state principalmente: difesa corpo a corpo con arma lunga alla mano (contro attacchi a mani nude, all’arma bianca e con altri tipi di armi), lavoro in squadra in scenari urbani, tecniche di reazione a contatto all’interno di abitazioni, tecniche di immobilizzazione e arresto. Un lavoro molto simile a quello che svolgo 2 volte all’anno addestrando i Ranger antibracconaggio in Africa.

 

corso istruttori militari

Corso Istruttori militari

 

I legionari, un reparto di lunghe e forti tradizioni

Ho apprezzato immensamente lo spirito dei legionari, un reparto di lunghe e forti tradizioni, dove disciplina e rispetto sono estremamente tangibili. 1300 uomini di 90 diverse nazionalità e mediamente con un temperamento alquanto forte, possono convivere ed essere uniti come un’unica famiglia solo con forti valori e spirito di corpo.

Allo stesso tempo ho trovato, come nella maggior parte dei corpi speciali, tutte persone estremamente gentili, molto umili e pronte a imparare. Insegnare tecniche di combattimento corpo a corpo a un Adjutant Chef con 25 anni di servizio nei paracadutisti del 2°REP, o a un americano ex Navy Seals non è semplice. Ma l’aspetto meraviglioso è l’approccio di questi guerrieri che, nonostante innumerevoli missioni e decorazioni, sono umili e attenti, desiderosi di capire, di migliorare, di confrontarsi. Ci siamo confrontati su vari aspetti e mi hanno testimoniato come molte delle tecniche di krav maga IKMF che hanno appreso negli anni, sono state progressivamente integrate nella formazione al combattimento dei legionari.

I 20 istruttori IKMF, provenienti da Francia, Italia, Grecia, Belgio e Svizzera, hanno tenuto il massacrante ritmo dei legionari, e i legionari sono stai al passo con il livello di condizionamento tecnico dei nostri istruttori. Si sono addestrati insieme, condividendo tecniche e sudore, fatica e cameratismo.

Inoltre, grazie alla struttura messa a disposizione dal comando, è stato possibile utilizzare il Percorso di guerra, con ostacoli, muri e fossati, il Percorso d’audacia, con passaggi in quota su cavi a 15 metri, salite e discese con corde pertiche e carrucole, e l’area CQB in cui addestrare le tecniche di krav maga nello scenario di un combattimento urbano. Ogni sera poi, dopo la cena alla mensa, una lezione di approfondimento tra cui: principi di sniping, antiterrorismo in zone di guerra (tenuta da Stephane Chatton), psicologia del combattimento e gestione dello stress, oltre a una visita della caserma, incluso l’esclusivissimo pub dei Caporal Chef dove anche il Colonnello può entrare solo se invitato, e una lezione sulla storia della Legione e del 2°REP.

Insomma un’esperienza unica ed entusiasmante!

 

A Biella 2 nuovi istruttori militari

Per me poi motivo di orgoglio particolare è stato avere al corso un nutrito gruppo di istruttori italiani che d’ora in avanti mi affiancheranno anche in questo tipo di formazioni avendo ottenuto il brevetto di Istruttore Militare IKMF. 
E tra essi due miei allievi, attualmente istruttori attivi nella scuola di Biella: Carl Dale Masetti e Marco Bergamo. Mi sembra ieri quando sono arrivati ai miei corsi per imparare un po’ di difesa personale… sono passati circa otto anni e sono tra i migliori istruttori che abbia mai incontrato…complimenti!